David Muñoz

2,00

Cook_inc. 20

Actitud o Morir!

L’avanguardia di Muñoz ha un gusto DiverXO

  • Testo di Lorenzo Sandano
  • Foto di Carlos Allende

Nella testa, riff stridenti di chitarre e il tupa-tupa graffiante di una canzone punk. Sonorità forse condizionate dal taglio di capelli alla The Exploited dello Chef, che si presenta con cresta, spikes e orecchini ben in vista. Ognuno però potrebbe cogliere infinite melodie differenti. Perché al DiverXO l’esperienza è tanto sartoriale, quanto carica di suggestioni mai statiche. Impresse in alto, sull’ingresso delle cucine a mo’ di murales, le parole “No Pain, No Gain. Winner Attitude Always”. Qualche passo prima, varcando la soglia d’entrata principale, porte scorrevoli da canonico hotel aprono il sipario a un locale capace di tranciare ogni canone estetico. Quasi un viaggio onirico, in un’altra dimensione. Come se il carismatico cuoco David Dabiz Muñoz accogliesse l’ospite nel suo mondo, nel suo sogno, in chiave provocatoria e violenta. Comunicando il messaggio “Questo sono io, senza compromessi”. Ogni dettaglio dell’ambiente – e ce ne sono tanti – sta lì a marcare un tratto distintivo e personale dello chef. L’occhio sembra perdersi rapito , salendo le scale verso la sala, alla ricerca di oggetti grotteschi e sculture appariscenti che si rivelano in successione. Rintracciando sempre un nuovo particolare che riempie e stimola l’immaginazione. Argentee formiche giganti lungo i gradini; maiali alati con orecchini e scarpe Nike…

(Scarica il PDF per continuare a leggere)

 

David Muñoz

2,00

Cook_inc. 20

Actitud o Morir!

L’avanguardia di Muñoz ha un gusto DiverXO

  • Testo di Lorenzo Sandano
  • Foto di Carlos Allende

Nella testa, riff stridenti di chitarre e il tupa-tupa graffiante di una canzone punk. Sonorità forse condizionate dal taglio di capelli alla The Exploited dello Chef, che si presenta con cresta, spikes e orecchini ben in vista. Ognuno però potrebbe cogliere infinite melodie differenti. Perché al DiverXO l’esperienza è tanto sartoriale, quanto carica di suggestioni mai statiche. Impresse in alto, sull’ingresso delle cucine a mo’ di murales, le parole “No Pain, No Gain. Winner Attitude Always”. Qualche passo prima, varcando la soglia d’entrata principale, porte scorrevoli da canonico hotel aprono il sipario a un locale capace di tranciare ogni canone estetico. Quasi un viaggio onirico, in un’altra dimensione. Come se il carismatico cuoco David Dabiz Muñoz accogliesse l’ospite nel suo mondo, nel suo sogno, in chiave provocatoria e violenta. Comunicando il messaggio “Questo sono io, senza compromessi”. Ogni dettaglio dell’ambiente – e ce ne sono tanti – sta lì a marcare un tratto distintivo e personale dello chef. L’occhio sembra perdersi rapito , salendo le scale verso la sala, alla ricerca di oggetti grotteschi e sculture appariscenti che si rivelano in successione. Rintracciando sempre un nuovo particolare che riempie e stimola l’immaginazione. Argentee formiche giganti lungo i gradini; maiali alati con orecchini e scarpe Nike…

(Scarica il PDF per continuare a leggere)