Jean-François Piège

2,00

Cook_inc. 9

Piège Thoumieux en Mieux, di meglio in meglio

  • Testo di Andrea Petrini
  • Foto di Benjamin Schmuck

Avesse ragione, una tantum, l’amico Enzo Vizzari? Lui è formale e noi, stavolta, d’accordo con lui. Quando intona cantalenando – sul palco di Identità Golose, su quello di LSDMozzarella (Le Strade della Mozzarella) o dai prosceni a sua disposizione – il pitch di presa sulla novizia folla. Confermiamo quindi la lapalissiana evidenza: “Jean-François Piège è il più classico dei cuochi contemporanei, il più contemporaneo di tutti i cuochi classici”.

Questione d’età. D’apertura mentale. Della voglia d’arrivare d’un virtuoso all’antica, che i suoi superpoteri, mica caduti dal cielo, se li è sudati. Facendosi da solo, gavettando taurino a testa bassa. Non fidatevi delle apparenze. C’è il Jean-François Piège sorridente delle copertine dei suoi libri.

(Scarica il PDF per continuare a leggere)

Jean-François Piège

2,00

Cook_inc. 9

Piège Thoumieux en Mieux, di meglio in meglio

  • Testo di Andrea Petrini
  • Foto di Benjamin Schmuck

Avesse ragione, una tantum, l’amico Enzo Vizzari? Lui è formale e noi, stavolta, d’accordo con lui. Quando intona cantalenando – sul palco di Identità Golose, su quello di LSDMozzarella (Le Strade della Mozzarella) o dai prosceni a sua disposizione – il pitch di presa sulla novizia folla. Confermiamo quindi la lapalissiana evidenza: “Jean-François Piège è il più classico dei cuochi contemporanei, il più contemporaneo di tutti i cuochi classici”.

Questione d’età. D’apertura mentale. Della voglia d’arrivare d’un virtuoso all’antica, che i suoi superpoteri, mica caduti dal cielo, se li è sudati. Facendosi da solo, gavettando taurino a testa bassa. Non fidatevi delle apparenze. C’è il Jean-François Piège sorridente delle copertine dei suoi libri.

(Scarica il PDF per continuare a leggere)