Beirut

2,00

Cook_inc. 8

LIVE LOVE BEIRUT

  • Testo di Arzu Sak
  • Foto di Andrea Forlani e Arzu Sak

È già sera quando arriviamo a Batroun, una cinquantina di chilometri a nord di Beirut, in libano. nell’attraversare le strade deserte della città vecchia, tra le saracinesche rotte e le porte di legno imbullonate del souk, illuminato da una luce fioca e immerso nel silenzio, provo una sensazione familiare. in Turchia usiamo l’espressione “vecchia terra” per riferirci a gente e luoghi con un passato, una storia, una memoria. E le mura di Batroun, all’interno delle quali ci troviamo, ne hanno viste sicuramente tante.

Man mano che ci avviciniamo alla Cattedrale di Santo Stefano, scorgo le acque scure del Mediterraneo e i resti delle mura fenicie che per millenni hanno difeso questa città di mare, un tempo fiorente.

(Scarica il PDF per continuare a leggere)

Beirut

2,00

Cook_inc. 8

LIVE LOVE BEIRUT

  • Testo di Arzu Sak
  • Foto di Andrea Forlani e Arzu Sak

È già sera quando arriviamo a Batroun, una cinquantina di chilometri a nord di Beirut, in libano. nell’attraversare le strade deserte della città vecchia, tra le saracinesche rotte e le porte di legno imbullonate del souk, illuminato da una luce fioca e immerso nel silenzio, provo una sensazione familiare. in Turchia usiamo l’espressione “vecchia terra” per riferirci a gente e luoghi con un passato, una storia, una memoria. E le mura di Batroun, all’interno delle quali ci troviamo, ne hanno viste sicuramente tante.

Man mano che ci avviciniamo alla Cattedrale di Santo Stefano, scorgo le acque scure del Mediterraneo e i resti delle mura fenicie che per millenni hanno difeso questa città di mare, un tempo fiorente.

(Scarica il PDF per continuare a leggere)