Alexandre Gauthier

2,00

Cook_inc. 1

ALEXANDRE GAUTHIER

L’elegante brutalità di una cucina d’autore

  • Testo di Andrea Petrini
  • Foto di Per-Anders Jorgensen

Marcel Proust aveva il vizietto: la mitica, burrosa madeleine che lasciava talvolta inzuppare in un cucchiaino di tè. Non è mica detto che, dalle parti del Nord Pas de Calais, tra Boulogne et il Touquet, la madeleine ufficiale del circondario, il prediletto dei campestri villaggi intorno a Madeleine-sous-Montreuil sia proprio il ragazzotto che risponde al nome di Alexandre Gauthier. Figliol d’arte e già di ristoratori, fa caso, fa polemica. Sbatte il dibattito in prima pagina. Lascia esterrefatti dribblando alla grande qualsiasi mozione d’unanimità. Leghe e leghe lontano dalla capitale, passa per un imberbe anacoreta. Lunga resta la strada che mena a questi campestri sentieri, tra ponticelli e verdi distese, il mare a un tiro di schioppo e l’Inghilterra dirimpetto…

(Scarica il PDF per continuare a leggere)

Alexandre Gauthier

2,00

Cook_inc. 1

ALEXANDRE GAUTHIER

L’elegante brutalità di una cucina d’autore

  • Testo di Andrea Petrini
  • Foto di Per-Anders Jorgensen

Marcel Proust aveva il vizietto: la mitica, burrosa madeleine che lasciava talvolta inzuppare in un cucchiaino di tè. Non è mica detto che, dalle parti del Nord Pas de Calais, tra Boulogne et il Touquet, la madeleine ufficiale del circondario, il prediletto dei campestri villaggi intorno a Madeleine-sous-Montreuil sia proprio il ragazzotto che risponde al nome di Alexandre Gauthier. Figliol d’arte e già di ristoratori, fa caso, fa polemica. Sbatte il dibattito in prima pagina. Lascia esterrefatti dribblando alla grande qualsiasi mozione d’unanimità. Leghe e leghe lontano dalla capitale, passa per un imberbe anacoreta. Lunga resta la strada che mena a questi campestri sentieri, tra ponticelli e verdi distese, il mare a un tiro di schioppo e l’Inghilterra dirimpetto…

(Scarica il PDF per continuare a leggere)