Testo di Annalucia Galeone

Foto cortesia di Vecchio magazzino doganale

Ivano Trombino si definisce un produttore di liquori rurali, desidera ridare valore e attenzione alla terra e ai suoi frutti. L’azienda, il Vecchio magazzino doganale a Montalto Uffugo, in provincia di Cosenza, l’origine del nome è sconosciuta, ha una storia davvero singolare; vicissitudini familiari, viaggi, desiderio di conoscere, coraggio e riscatto si intrecciano come in un romanzo di avventure di fine ‘800 da leggere con l’acqua alla gola fino all’ultima pagina.

Ma partiamo dall’inizio. Nel 1950 il nonno Egidio Trombino fa la valigia alla ricerca di fortuna lasciando la moglie e i quattro figli, tra cui il papà di Ivano che all’epoca aveva solo quattro anni. Di lui si perdono le tracce, a casa non fece più ritorno. Passano gli anni ma non i dubbi, Ivano decide di indagare e ritrova le tracce del passaporto del nonno in Brasile, dove scopre che ha fatto il barbiere, ha messo su famiglia e ha avuto una figlia, Regina, a cui parlava del passato senza lasciar trapelare nulla della sua famiglia precedente.

Dai racconti della zia d’oltreoceano Ivano apprende del vecchio magazzino doganale del trisnonno Giocondo e del capitano Jefferson. “In una notte di tempesta – narra Ivano – il veliero che avrebbe dovuto condurre da Panama a Genova il capitano Jefferson e il suo equipaggio con il carico di bottiglie di distillato e di canna da zucchero, incominciò a imbarcare acqua e scomparì nel giro di pochi minuti. Era il 1871, i tre naufraghi, il capitano e i suoi compagni Gil, il medico di bordo, e Roger furono rovesciati dalle onde sulla costa cosentina, tra Fiumefreddo e Fuscaldo, si addentrarono nelle aree interne e trovarono ristoro presso il Vecchio magazzino doganale di Giocondo, tra Montalto Uffugo e Torano. Il mio trisnonno li prese a lavorare come fattori, lui era un venditore di spezie e faceva liquori al cedro e bergamotto. Jefferson definiva il magazzino “la profumeria”, ci lavorarono fino al 1914 data della cessazione dell’attività”.

Ivano Trombino

Nel 2018 Jefferson è stato eletto il miglior liquore alle erbe tra mille varietà nelle categorie dei World’s Drink Awards a Londra, la prima volta per un liquore italiano. “Fu il capitano Jefferson a selezionare nel territorio calabrese agrumi, spezie ed erbe aromatiche” spiega Ivano Trombino. “Oggi, io li ripropongo prestando molta attenzione ai dettagli. Sono il bergamotto, le arance amare e dolci, il rosmarino e l’origano le botaniche principali selezionate in Calabria che unite ad altre spezie rendono naturale e unico Jefferson. Il suo gusto mediterraneo si lascia apprezzare sia a temperatura ambiente che fresco. Originale in miscelazione, nei grandi classici, come bitter o in supporto ai vermut”.

Ivano, che ha alle spalle una carriera commerciale in ascesa nelle più importanti aziende liquoristiche, a un certo punto ha mollato tutto per acquistare terreni agricoli, coltivarli e dedicarsi alla vendita di piante botaniche e successivamente alla produzione di liquori. Vicinissimo a dov’era il vecchio impianto sta realizzando la nuova struttura sulla falsa riga di stampe d’epoca che ritraevano tre casette una accanto all’altra. “Ho creato la fascia premium degli amari in Italia che era inesistente – afferma Ivano – sono un compositore di ricette. Non esiste un momento adatto per bere, esistono sogni, esperienze, amori e passioni. Questi profumi mi fanno vivere con la speranza che ognuno provi e proverà quello che ho provato io”.

Jefferson è stato il primo liquore, sono seguiti Intervallo, amaro da salotto, Roger bitter e amaro assieme, Frack amaro serale non alla moda, Dopolavoro liquore e aperitivo amaricante, Gil un gin a base di ginepro e limoni igp di Rocca Imperiale, Madame Milù ribattezzato liquore da bere al bisogno, ottimo digestivo con camomilla, menta, maggiorana, melissa, semi di finocchio e assenzio. Abracadabra è il liquore alla liquirizia coltivata nel giardino botanico, il metodo ancestrale di bollitura aiuta a sfibrare le radici che vengono successivamente spremute. In modo separato viene preparato un infuso in alcol di radici ridotte a tocchetti, gradazione alcolica e tempo di maturazione dell’infuso può variare. La collezione si chiude con Eredità di famiglia due liquori al bergamotto e all’acqua di cedro.

Vecchio magazzino doganale

Via Pianette sn

87046 Montalto Uffugo (CS)

Tel.: + 39 335 6658310

www.vecchiomagazzinodoganale.com