Testo di Tania Mauri

 Disegni di #theanimismus, aka Alfredo Del Bene, creati appositamente per 8pus

Giuseppe Iannotti, chef del Krèsios, non è capace di stare fermo, rilassarsi e aspettare, ma in questi mesi, volere o volare, è stato obbligato. Bloccato nel suo ristorante, chiuso a causa del Covid, ha dedicato questo periodo allo studio e all’ascolto, al racconto e all’elaborazione di nuovi progetti grazie a quel guizzo geniale che lo contraddistingue. L’ultimo nato è 8pus, frutto del IannottiLab, il laboratorio gastronomico di Telese Terme, il cui nome evoca il mare, o meglio, il re tentacolare del Mediterraneo, l’octopus, il polpo, il maggior invertebrato dei nostri mari. L’idea è quella di un fish delivery a tutto tondo per gli amanti del mare dove il protagonista è il pesce declinato in tutte le sue molteplici forme, specie, cotture e tagli, crudo o elaborato in piatti complessi abbinato, per gli amanti del buon bere, a una carta dei vini creata ad hoc. “È un brand virtuale che anticipa un futuro ristorante bloccato dal Coronavirus, è un pezzo di quello che sarà appena si stabilizza la situazione. Il delivery inizia oggi, 22 luglio, con il “Ready to eat” per i clienti a 30 km da Telese e un nostro driver interno, piatti pronti da essere mangiati, e il “Ready to cook” con consegne in tutta clienti tramite corriere refrigerato che certifica la catena del freddo” spiega lo chef Iannotti.

Il menu è legato al pescato del giorno, selezionato freschissimo, e a ciò che offre stagionalmente il mercato del pesce, nello specifico di Formia e di Pozzuoli. Ogni piatto è ispirato dai viaggi gastronomici fatti da Iannotti e dalle sue interpretazioni dei classici di pesce internazionali e non. La scelta si divide tra piatti pronti da gustare con il delivery e kit per un’esperienza da ricreare a casa: i primi prevedono un delivery semplice composto da ostriche, sushi o conserve, così come il pesce crudo, già condito e preparato che necessita solo di cottura o la pasta con salse diverse e tanti altri piatti del menu; i kit, invece, sono veri very e propri home dinner menu a base di semi preparati, spediti in tutta Italia tramite corrieri esperti nella refrigerazione, per garantire un prodotto freschissimo che arriva in 24/48 ore, così, una volta a casa l’esperienza sarà quella di riprodurre grandi piatti con il minimo sforzo.

Ci sono anche i box tematici, come quello dedicato al “fritto a casa” con una tempura rivisitata da friggere al momento, o i box “aperitivo” a base dei piattini di 8pus o ancora il “box fusion” con sushi, ramen o gyoza. Un box dedicato a Krug, infine, che abbina il grande Champagne della Maison al caviale. Tra i piatti del menu ci sono, per esempio, il Ramen di polpo o il Riso con anguilla in salsa teriyaki di ‘nduja, i Lobster roll e i Bao al vapore di ombrina e kimchi di scarola o i Pesce e riso, la versione sushi dello chef. Interessante, tra i crudi, la grande selezione in stile Plateau Royale, che qui si rifà agli storici antipasti di crudo italiani, con la tartare di ventresca, quella di tonno rosso o di ricciola, il gambero rosso crudo, gli scampi, il salmone e la capasanta.

Per le conserve Iannotti ha voluto dare spazio a una tradizione antica, spesso sottovalutata, quella delle delizie sott’olio, delle grandi conserve di mare, che hanno fatto la storia gastronomica di Paesi come la Spagna e il Portogallo e nello specifico: anchoas, chipirones, cozze, cannolicchi, ventresca di tonno, olive ripiene, tonno in olio, polpo alla gallega, calamaro con il suo nero. Non mancano i dolci dal Tiramisù al sifone al Bignè, dalla Millefoglie alla Tarte au citron fino ai fantesitici petit fours – gelatine, cookies, mini choux e praline di cioccolato.

La carta dei vini e delle birre è stata curata da ”Alfredino”, il sommelier e maître Alfredo Buonanno, ed è strutturata per offrire il massimo della possibilità di abbinamento con i piatti in menu. Circa 200 etichette, dalle bollicine ai vini dolci, con particolare attenzione per le Maison di Champagne, a cui viene dato grande spazio. Non mancano, infine i vini da dessert, come passiti, moscati, Sauternes; la carta dei gin e delle vodka e una selezione di cocktail. E ancora: succhi, tè o kombucha, vermuth e sorprendenti abbinamenti studiati con la birra. Insomma come dice il famoso detto popolare italiano “Se la montagna non viene a Maometto, allora Maometto va alla montagna” se non riuscite ad arrivare fino a Telese Terme ordinate il delivery a casa vostra e vedrete che poi troverete la strada per il Kresios. È possibile prenotare attraverso il sito 8pus.it.