Thomas Frebel

2,00

Categoria:

Cook_inc. 23

INUA – NATTO MATTO

  • Testo di Andrea Petrini
  • Foto di Jimmy Cohrssen

24 Ottobre 2018 – 6.10 am

Il tè Sencha fa schifo anche in business class, la schiuma del cappuccino pare sperma sbattuto (col bianco d’uovo), l’omelette è adiposa. Ci fossero almeno i natto da spizzicar con le bacchette, bavosi, sfilaccianti come sputacchi sospesi o liquide ragnatele. “Io a mandarli giù non ce la fo. È forse il solo prodotto giapponese che non amo. Non li capisco. Il giorno che mi aggraderanno richiederò la cittadinanza giapponese”. Parola di Thomas Frebel. E mentre l’aereo scende a picco su Charles de Gaulle, ci si chiede: visto che per noi i natto son goduria pura, volessimo davvero trasferirci a Tokyo, l’imperatore ci garantirebbe l’accesso alla corsia preferenziale…

 

(Scarica il PDF per continuare a leggere)