René Redzepi

2,00

Cook_inc. 23

NOMA Ten Years After

  • Testo di Andrea Petrini
  • Foto di Borderless Co.

La dispensa già colma, la famiglia Redzepi s’ingrandisce. Ci mancava solo il cane. Mo’ è arrivato pure quello. Un cucciolone che ancora a dicembre faceva la pipì per casa. Scalpita, mordicchia, vuole correre e giocherellare. Ed è una domenica mattina proprio lui a trascinare al guinzaglio René, lo zip del giubbottino mezzo giù, mentre con l’altra mano – poverello! – lo chef danese si destreggia a malinpeggio per attivare sul telefonino la chiamata automatica di uno dei suoi numeri favoriti. Quello di David Zilber, ignaro responsabile del laboratorio delle fermentazioni del Noma, invero più assonnato che sorpreso dal mattinale trillo del capo cordata. “David, se ti dicessi: vorrei sviluppare dei batteri presenti sulle impronte digitali dello staff in cucina e fissarle su un supporto…

 

(Scarica il PDF per continuare a leggere)