Fattorie Fiandino

0,00

Cook_inc. 24

Quando il cardo caglia

La saga familiare dei Fiandino a Villafalletto 

  • Testo di Serena Guidobaldi
  • Fotografie di Davide Dutto

Flashback | Villafalletto, 1920

Il 1920 è un anno cruciale per la gente di Villafalletto: quell’arresto di Tumlin, primogenito di Giovan Battista, scuote la comunità e si abbatte sulla famiglia Vanzetti già provata dalla perdita prematura di Giovanna, moglie e madre amatissima.

Pochi anni prima Bartolomeo era partito per la Merica:

Sono a bordo (La Provence). Tanti saluti e baci a tutti.

scrive  il 13 giugno 1908 da Le Havre.

Seguono negli anni lettere alle sorelle, alla zia e al padre che aveva disapprovato quel colpo di testa, dove Bartolomeo racconta della condizione di immigrato, del lavoro, del Messico, delle cose che cominciano ad andare meglio e del gruzzolo pronto per il ritorno.

Ma il 5 maggio 1920 viene arrestato insieme a Nicola Sacco perché trovato in possesso di volantini anarchici e una pistola; alla famiglia scrive apertamente di questa sua condizione solo il 1 ottobre 1920…

 

(Scarica il PDF per continuare a leggere)